Tony Curtis

Tony Curtis

nato il 3.6.1925 a Bronx, NY, Stati Uniti d'America

morto il 29.9.2010 a Henderson, NV, Stati Uniti d'America

Tony Curtis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Tony Curtis con Janet Leigh

Tony Curtis (New York, 3 giugno 1925  Henderson, 29 settembre 2010) è stato un attore statunitense.

Biografia

Nato nel Bronx in una modesta famiglia ebraica di origini ungheresi, debutta nel cinema nella parte di un fatuo ballerino in Doppio gioco di Robert Siodmak.

Negli anni cinquanta alterna ruoli leggeri, in cui mette a frutto il fisico prestante e la morbida bellezza virile, con ruoli in parti drammatiche, dimostrando notevole versatilità. Fanno parte del primo gruppo Il principe ladro di Rudolph Maté, Il figlio di Ali Babà di Kurt Neumann e Il mago Houdini di George Marshall; del secondo gruppo, Furia e passione di Joseph Pevney (in cui è un pugile sordomuto), Trapezio di Carol Reed, Piombo rovente di Alexander Mackendrick (in cui è Sidney Falco, un portaborse nel mondo corrotto del giornalismo americano) e La parete di fango (in cui è un carcerato fuggiasco incatenato a Sidney Poitier), per il quale ottiene una nomination all'Oscar.

Dopo avere dato prova delle sue virtù di commediante in coppia con Cary Grant in Operazione sottoveste di Blake Edwards, in realtà ottiene la definitiva consacrazione nel triplo ruolo di suonatore di sassofono, di magnate del petrolio e di Josephine in A qualcuno piace caldo di Billy Wilder, accanto a Marilyn Monroe e Jack Lemmon.

In Spartacus di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne I Vichinghi di Richard Fleischer. Negli anni sessanta, il suo ruolo più significativo è quello del serial killer schizofrenico ne Lo strangolatore di Boston, sempre di Fleischer.

Oltre a quella cinematografica, di un certo rilievo fu anche la sua attività televisiva, in particolare come coprotagonista nei primi anni settanta di una serie di telefilm di successo, Attenti a quei due, in cui impersona il ricco playboy americano Danny Wilde, contrapposto all'elegante e raffinato lord inglese Brett Sinclair (Roger Moore), entrambi impegnati a fronteggiare malviventi e belle donne in scanzonate avventure di intrighi e mistero.

Nel 1980 ritorna al cinema con E io mi gioco la bambina commedia con Walter Matthau e Julie Andrews.

Le sue ultime apparizioni di rilievo: Gli ultimi fuochi di Elia Kazan e La signora in bianco di Nicolas Roeg.

È morto nella sua casa nei pressi di Las Vegas, nella notte del 29 settembre 2010, a seguito di una lunga malattia polmonare.

Vita privata

Curtis fu sposato sei volte:

  • dalla prima moglie, l'attrice Janet Leigh (1951 - 1962), ebbe due figlie, Kelly (1956) e Jamie Lee (1958)
  • dall'attrice tedesca Christine Kaufmann (1963 - 1968), ebbe altre due figlie, Alexandra (1964) e Allegra (1966)
  • da Leslie Allen (1968 - 1982) ebbe due figli, Nicholas (1971 - morto nel 1994 per overdose di eroina) e Benjamin (1973)
  • Andrea Savio (1984 - 1992)
  • Lisa Deutsch (1993 - 1994)
  • con Jill Vandenberg fu sposato dal 1998 fino alla morte.

Nell'agosto del 2009 Curtis rivelò, in uno dei suoi tanti libri di memorie, di avere avuto una relazione con l'attrice Marilyn Monroe. Queste le parole di Curtis: «Tutto era bello con lei sebbene non sapessi mai cosa pensasse la mia partner mentre eravamo a letto insieme. Scoprii solo in seguito che durante quel nostro rapporto segreto Marilyn era rimasta incinta e aveva perso il nostro bambino».

Onorificenze

Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres

Filmografia

Cinema

  • How to Smuggle a Hernia Across the Border, regia di Jerry Lewis (1949)
  • Malerba (City Across the River), regia di Maxwell Shane (1949)
  • La roulette (The Lady Gambles), regia di Michael Gordon (1949)
  • Doppio gioco (Criss Cross), regia di Robert Siodmak (1949) - non accreditato
  • Cocaina (Johnny Stool Pigeon), regia di William Castle (1949)
  • Donna in fuga (Woman in Hiding), regia di Michael Gordon (1950) - non accreditato
  • Francis, il mulo parlante (Francis), regia di Arthur Lubin (1950)
  • La regina dei tagliaborse (I Was a Shoplifter), regia di Charles Lamont (1950)
  • Sierra , regia di Alfred E. Green (1950)
  • Winchester '73, regia di Anthony Mann (1950)
  • I predoni del Kansas (Kansas Raiders), regia di Ray Enright (1950)
  • Il principe ladro (The Prince Who Was a Thief), regia di Rudolph Maté (1951)
  • Furia e passione (Flesh and Fury), regia di Joseph Pevney (1952)
  • Non c'è posto per lo sposo (No Room for the Groom), regia di Douglas Sirk (1952)
  • Il figlio di Alì Babà (Son of Ali Baba), regia di Kurt Neumann (1952)
  • Il mago Houdini (Houdini), regia di George Marshall (1953)
  • The All American, regia di Jesse Hibbs (1953)
  • Contrabbandieri a Macao (Forbidden), regia di Rudolph Maté (1953)
  • Missione suicidio (Beachead), regia di Stuart Heisler (1954)
  • Bolide rosso (Johnny Dark), regia di George Sherman (1954)
  • Lo scudo dei Falworth (The Black Shield of Falworth), regia di Rudolph Maté (1954)
  • La rapina del secolo (Six Bridges to Cross), regia di Joseph Pevney (1955)
  • Tre americani a Parigi (So This Is Paris), regia di Richard Quine (1955)
  • La maschera di porpora (The Purple Mask), regia di H. Bruce Humberstone (1955)
  • I corsari del grande fiume (The Rawhide Years), regia di Rudolph Maté (1955)
  • La giungla del quadrato (The Square Jungle), regia di Jerry Hopper (1955)
  • Trapezio (Trapeze), regia di Carol Reed (1956)
  • Le avventure di Mister Cory (Mister Cory), regia di Blake Edwards (1957)
  • Piombo rovente (Sweet Smell of Success), regia di Alexander Mackendrick (1957)
  • Mezzanotte a San Francisco (The Midnight Story), regia di Joseph Pevney (1957)
  • I vichinghi (The Vikings), regia di Richard Fleischer (1958)
  • Cenere sotto il sole (Kings Go Forth), regia di Delmer Daves (1958)
  • La parete di fango (The Defiant Ones), regia di Stanley Kramer (1958)
  • In licenza a Parigi (The Perfect Furlough), regia di Blake Edwards (1958)
  • A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot), regia di Billy Wilder (1959)
  • Operazione sottoveste (Operation Petticoat), regia di Blake Edwards (1959)
  • Chi era quella signora? (Who Was That Lady?), regia di George Sidney (1960)
  • Ragazzi di provincia (The Rat Race), regia di Robert Mulligan (1960)
  • Spartacus, regia di Stanley Kubrick (1960)
  • Il grande impostore (The Great Impostor), regia di Robert Mulligan (1961)
  • Il sesto eroe (The Outsider), regia di Delbert Mann (1961)
  • Taras il magnifico (Taras Bulba), regia di J. Lee Thompson (1962)
  • 20 chili di guai!... e una tonnellata di gioia (40 Pounds of Trouble), regia di Norman Jewison (1962)
  • I cinque volti dell'assassino (The List of Adrian Messenger), regia di John Huston (1963)
  • Capitan Newman (Captain Newman, M.D.), regia di David Miller (1963)
  • Insieme a Parigi (Paris - When It Sizzles), regia di Richard Quine (1964) - non accreditato
  • Monsieur Cognac (Wild and Wonderful), regia di Michael Anderson (1964)
  • Ciao, Charlie (Goodbye Charlie), regia di Vincente Minnelli (1964)
  • Donne, v'insegno come si seduce un uomo (Sex and the Single Girl), regia di Richard Quine (1964)
  • La grande corsa (The Great Race), regia di Blake Edwards (1965)
  • Boeing Boeing (Boeing (707) Boeing (707)), regia di John Rich (1965)
  • Lo strangolatore di Baltimora (The Chamber of Horrors), regia di Hy Averback (1966) - non accreditato
  • Due assi nella manica (Not with My Wife, You Don't!), regia di Norman Panama (1966)
  • Arrivederci, Baby! (Drop Dead Darling), regia di Ken Hughes (1966)
  • Piano piano non t'agitare (Don't Make Waves), regia di Alexander Mackendrick (1967)
  • La cintura di castità, regia di Pasquale Festa Campanile (1968)
  • Rosemary's Baby, regia di Roman Polanski (1968) (voce) (non accreditato)
  • Lo strangolatore di Boston (The Boston Strangler), regia di Richard Fleischer (1968)
  • Quei temerari sulle loro pazze, scatenate, scalcinate carriole (Monte Carlo or Bust!), regia di Ken Annakin (1969)
  • Al soldo di tutte le bandiere (You Can't Win 'Em All), regia di Peter Collinson (1970)
  • Supponiamo che dichiarino la guerra e nessuno ci vada (Suppose They Gave a War and Nobody Came?), regia di Hy Averback (1970)
  • Big Boss (Lepke), regia di Menahem Golan (1975)
  • Gli ultimi fuochi (The Last Tycoon), regia di Elia Kazan (1976)
  • Casanova & Company (Casanova & Co.), regia di Franz Antel (1977)
  • Sextette , regia di Ken Hughes (1978)
  • Manitù, lo spirito del male (The Manitou), regia di William Girdler (1978)
  • Gli orsi vanno in Giappone (The Bad News Bears Go to Japan), regia di John Berry (1978)
  • Una canaglia da abbattere (Title Shot), regia di Les Rose (1979)
  • E io mi gioco la bambina (Little Miss Marker), regia di Walter Bernstein (1980)
  • It Rained All Night the Day I Left, regia di Nicolas Gessner (1980)
  • Assassinio allo specchio (The Mirror Crack'd), regia di Guy Hamilton (1980)
  • Othello, el comando negro, regia di Max H. Boulois (1982)
  • C'è qualcosa di strano in famiglia (Where Is Parsifal?), regia di Henri Helman (1983)
  • Brainwaves onde cerebrali (Brain Waves), regia di Ulli Lommel (1983)
  • La signora in bianco (Insignificance), regia di Nicolas Roeg (1985)
  • Balboa, regia di James Polakof (1986)
  • Club Life, regia di Norman Thaddeus Vane (1986)
  • Una vita spezzata (Banter), regia di Hervé Hachuel (1986)
  • Ritorno a Berlino (Der Passagier - Welcome to Germany), regia di Thomas Brasch (1988)
  • I marziani invadono la Terra (Lobster Man from Mars), regia di Stanley Sheff (1989)
  • Non aspettate mezzanotte (Midnight), regia di Norman Thaddeus Vane (1989)
  • Bersaglio speciale (Prime Target), regia di David Heavener e Phillip J. Roth (1991)
  • Il centro della ragnatela (The Center of the Web), regia di David A. Prior (1992)
  • The Mummy Lives, regia di Jerry O'Hara (1993)
  • Vado a vivere a New York (Naked in New York), regia di Daniel Algrant (1993)
  • Gli immortali (The Immortals), regia di Brian Grant (1995)
  • Brittle Glory, regia di Stuart Schill (1997)
  • Presi di mira (Hardball), regia di George Erschbamer (1997)
  • Stargames, regia di Graydon Clark (1998)
  • Louis & Frank, regia di Alexandre Rockwell (1998)
  • Incontriamoci a Las Vegas (Play It to the Bone), regia di Ron Shelton (1999)
  • Reflections of Evil, regia di Damon Packard (2002)
  • The Blacksmith and the Carpenter, regia di Chris Redish (2007) - voce
  • David & Fatima, regia di Alain Zaloum (2008)

Televisione

  • Red Skelton Revue - serie TV, episodio 1x1 (1954)
  • Schlitz Playhouse of Stars (1 episodio) (1958) (1958)
  • General Electric Theater - 2 episodi (1957-1959)
  • Startime - 1 episodio (1960)
  • Gli antenati (The Flintstones) (1965) - voce
  • Bracken's World - 1 episodio (1969)
  • Attenti a quei due (The Persuaders!) - serie TV, 24 episodi (1971-1972)
  • La terza ragazza a sinistra (The Third Girl from the Left) (1973)
  • Shaft (1 episodio) (1973)
  • Il conte di Montecristo (The Count of Montecristo) - film TV (1975)
  • The Big Rip-Off (1975)
  • McCoy - serie TV, 5 episodi (1975-1976)
  • The Users (1978)
  • The Scarlett O'Hara War (1980)
  • Inmates: A Love Story (1981)
  • Vega$ - serie TV, 26 episodi (1978-1981)
  • Un bacio da un milione di dollari (The Million Dollar Face) (1981)
  • Portrait of a Showgirl (1982)
  • Professione pericolo (The Fall Guy) - serie TV, episodio ... (1983)
  • La principessa della mafia (Mafia Princess) (1986)
  • Agatha Christie: delitto in tre atti (1986)
  • Charlie (1989)
  • Tarzan a Manhattan (Tarzan in Manhattan) (1989)
  • Thanksgiving Day (1990)
  • Eroe per famiglie (Christmas in Connecticut), regia di Arnold Schwarzenegger (1992)
  • Hollywood Babylon (1992)
  • Bandit: Beauty and the Bandit (1994)
  • Perry Mason: Dietro la facciata (A Perry Mason Mystery: The Case of the Grimacing Governor) - film TV (1994)
  • Lois & Clark - Le nuove avventure di Superman (Lois & Clark: The New Adventures of Superman)
  • Pappa e ciccia (Roseanne) - serie TV, episodio ... (1996)
  • Susan - 1 episodio (1998)
  • Hope & Faith 1 episodio (2004)
  • CSI - Scena del crimine, ep. Sepolto vivo (2005)

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Curtis è stato doppiato prevalentemente da Pino Locchi che ha prestato la voce all'attore in Spartacus, I vichinghi, A qualcuno piace caldo, Lo strangolatore di Boston, Monsieur cognac, Bolide rosso, Tre americani a Parigi, Lo scudo dei Falworth, Taras il magnifico, La roulette, La rapina del secolo, I ragazzi di provincia, Piombo rovente, Parete di fango, Operazione sottoveste, Chi era quella signora?, Le avventure di mister Cory, Boeing boeing, Mezzanotte a San Francisco, Ciao, Charlie, Capitan Newman, Cenere sotto il sole, I corsari del grande fiume, La giungla del quadrato, La grande corsa, Il grande impostore, In licenza a Parigi, La troviamo a Beverly Hills, La maschera di porpora, Trapezio, Assassinio allo specchio, 20 chili di guai!... e una tonnellata di gioia, I cinque volti dell'assassino, Insieme a Parigi, Attenti a quei due.

Altri doppiatori sono:

  • Giulio Panicali in Non c'è posto per lo sposo, Il mago Houdini, Il principe ladro, Contrabbandieri a Macao
  • Dario Penne in Agatha Christie: Delitto in tre atti, ...e io mi gioco la bambina
  • Gianfranco Bellini in Winchester '73
  • Giuseppe Rinaldi in La cintura di castità
  • Elio Zamuto in Tarzan a Manhattan
  • Sergio Rossi in Un bacio da un milione di dollari
  • Gabriele Carrara in Immortals
  • Renzo Palmer in Gli ultimi fuochi
  • Gianni Marzocchi in McCoy
  • Massimiliano Lotti in Attenti a quei due (ridoppiaggio)
  • Fabrizio Temperini in Spartacus (scena aggiunta)

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 20.03.2014 04:13:43

Questo articolo si basa sull'articolo Tony Curtis dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.