Banca dati musicale

Musicista

Emily Remler

Emily Remler

nata il 18.9.1957 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

morto il 4.5.1990 a Sydney, New South Wales, Australia

Links www.allthingsemily.com (Inglese)

Emily Remler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Emily Remler (New York, 18 settembre 1957 – Australia, 4 maggio 1990) è stata una chitarrista statunitense.

Ha inciso sette album di hard bop, standard jazz e fusion prima di morire a causa di un attacco di cuore (forse legato alla sua tossicodipendenza da eroina) a 32 anni, durante un tour in Australia. Nonostante la brevità della carriera, la Remler rappresenta un'eccezione nel campo del jazz dove pochissime chitarriste hanno raggiunto alti livelli, a differenza di altri generi come la musica classica.

Carriera

Nata a New York, da una famiglia di origini ebraiche, Emily iniziò a suonare la chitarra all'età di 10 anni. Inizialmente ispirata dall'hard rock e da altri stili della musica popolare, si convertì al jazz dal 1976 al 1979, durante gli studi al Berklee College of Music di Boston, nel Massachusetts. Fu influenzata da grandi del jazz come Wes Montgomery, Miles Davis and John Coltrane. Dopo aver lasciato il Berklee College, suonò nei club blues e jazz di New Orleans, lavorando con gruppi come FourPlay and Little Queenie e i the Percolators prima di iniziare a incidere nel 1981. Fu sostenuta dal chitarrista Herb Ellis, che la definiva "la nuova superstar della chitarra".[1]

In un'intervista a People si definì così: "Posso sembrare una simpatica ragazza ebrea di NY, ma dentro sono un omone di colore di 50 anni con un grosso pollice, come Wes Montgomery" ~People Mag. 1982~

Registrati per la famosa etichetta Concord, gli album di Emily Remler mostrano le diverse influenze di un'artista che stava sviluppando rapidamente uno stile personale attraverso la riproposizione di brani e generi preesistenti. Il suo primo album da solista Firefly ricevette ottime critiche così come il seguente Take Two. Transitions e Catwalk mostrano l'emergere di una voce più individuale, con pezzi originali, mentre il raffinato East to Wes è un tributo all'idolo Wes Montgomery.

Quando la sezione ritmica si solleva, mi sollevo anch'io ed ho una meravigliosa sensazione nel mio stomaco. Quando la sezione ritmica prende il volo, è davvero una bella sensazione, vorrei solo ridere—Emily Remler

Oltre alla carriera come band leader e compositrice, Emily Remler suonò in gruppi blues, a Broadway e con artisti diversi come Larry Coryell, con cui registrò l'album Together, e la cantante Rosemary Clooney. Suonò anche per la versione rappresentata a Los Angeles dello show 'Sophisticated Ladies' dal 1981 al 1982 e registrò due video didattici molto popolari. Lavorò come chitarrista per Astrud Gilberto. Nel 1985 vinse il premio ‘Guitarist Of The Year' in un sondaggio della rivista DownBeat Jazz Magazine. Nel 1988 fu 'Artist in Residence' alla Duquesne University e nel 1989 ricevette un premio dal Berklee College come ex studente distintasi durante la carriera.

Sposò il pianista jazz giamaicano Monty Alexander nel 1981, divorziando nel 1984.

La sua prima chitarra fu la Gibson ES-330 del fratello maggiore, mentre verso la fine degli anni '80 usava spesso una Borys B120 HollowBody Electric. Le sue chitarre acustiche comprendeva una Ovation Collectors Series del 1984 ed una chitarra classica Korocusci usata per la Bossa Nova.

Quando le fu chiesto come avrebbe voluto essere ricordata rispose:

"Buone composizioni, esecuzioni memorabili e il mio contributo come donna musicista…. ma la musica è tutto, e non è niente a che vedere con la politica o il femminismo."

Dopo la sua morte prematura furono registrati due album in suo onore, Just Friends volume uno e due, con contributi di Herb Ellis, David Benoit, Bill O'Connell e David Beberg tra gli altri.

Discografia

Album di studio

  • 1981: Firefly
  • 1982: Take Two
  • 1983: Transitions
  • 1984: Catwalk
  • 1985: Together - con Larry Coryell
  • 1988: East to Wes
  • 1990: This is Me

Compilations

  • 1991: Retrospective, Volume One: Standards
  • 1991: Retrospective, Volume Two: Compositions

Riferimenti

  1. ^ New York Times article

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN69119926 · LCCN: (ENn85174268 · ISNI: (EN0000 0000 8149 0822 · GND: (DE134495322 · BNF: (FRcb13939931p (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 12.01.2017 15:55:35

Questo articolo si basa sull'articolo Emily Remler dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.