Banca dati musicale

Musicista

Eberhard Weber

Eberhard Weber

nato il 22.1.1940 a Stuttgart, Baden-Württemberg, Germania

Links www.allmusic.com (Inglese)

Eberhard Weber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Eberhard Weber (Stoccarda, 22 gennaio 1940) è un contrabbassista e compositore tedesco. Da esecutore, è riconosciuto come uno dei più virtuosi ed originali jazzisti, apprezzato per il suo tono e fraseggio.[2] Le sue composizioni musicali sono di difficile collocazione stilistica, essendo un ibrido ricco di rimandi al chamber jazz, alla musica classica europea, a quella minimalista e all'ambient music, e sono considerate un grande esempio del sound dell'etichetta discografica ECM.

Discografia

Solista

  • The Colours of Chloë (1973)
  • Yellow Fields (1975)
  • The Following Morning (1976)
  • Silent Feet (1977)
  • Fluid Rustle (1979)
  • Little Movements (1980)
  • Later That Evening (1982)
  • Chorus (1984)
  • Orchestra (1988)
  • Pendulum (1993)
  • Endless Days (2001)
  • Stages of a Long Journey (2007)
  • Résumé (2012)
  • Encore (2015)

Raccolte

  • Works (1985)
  • Selected Recordings (2004)
  • Colours (2010) (ripubblicazione di Yellow Fields, Silent Feet e Little Movements)

Sideman

Con Gary Burton

  • Ring (ECM, 1974)
  • Passengers (ECM, 1976)

Con Kate Bush

  • The Dreaming (1982)
  • Hounds of Love (1985)
  • The Sensual World (1989)
  • Aerial (2005)

Con Jan Garbarek

  • Photo with Blue Sky, White Cloud, Wires, Windows and a Red Roof (ECM, 1979)
  • Paths, Prints (ECM, 1981)
  • Wayfarer (ECM, 1983)
  • It's OK to Listen to the Gray Voice (ECM, 1985)
  • All Those Born With Wings (ECM, 1987)
  • Legend of the Seven Dreams (ECM, 1988)
  • I Took Up the Runes (ECM, 1990)
  • Twelve Moons (ECM, 1992)
  • Visible World (ECM, 1995)
  • Rites (ECM, 1998)

Con Pat Metheny

  • Watercolors (ECM, 1977)

Con Ralph Towner

  • Solstice (ECM, 1975)
  • Solstice/Sound and Shadows (ECM, 1977)

Con Mal Waldron

  • The Call (JAPO, 1971)

Con altri artisti

Consultare i "Collegamenti esterni" per la discografia completa

  • Wolfgang Dauner: Dream Talk (1964), Free Action (1967), Output (1970)
  • Hampton Hawes: Hamps' Piano (1967)
  • Baden Powell: Poema en Guitar (1968)
  • Joe Pass: Intercontinental (1970)
  • Ernest Ranglin: Ranglypso (1976), MPS
  • Stephane Grapelli: Afternoon in Paris (1971)
  • The Singers Unlimited con Art Van Damme: Invitation (1973)
  • Benny Bailey: Islands (1976)
  • Manfred Schoof Orchestra: Reflections (1983)
  • Graeme Revell: Body of Evidence: Motion Picture Soundtrack (1993)
  • United Jazz + Rock Ensemble: include The Break Even Point e United Live Opus Sechs

Connessioni letterarie

Weber si è ispirato, almeno cinque volte, a La collina dei conigli (di Richard Adams) per i titoli di sue composizioni ed album. Esempi lampanti sono la title-track e Eyes That Can See in the Dark da Silent Feet; Often in the Open da Later That Evening e Quiet Departures e la title-track daFluid Rustle.

Note

  1. ^ a b c Eberhard Weber, su allmusic.com. URL consultato il 28 settembre 2017.
  2. ^ Endless Days, PopMatters.com. URL consultato il 28 settembre 2017.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN85520514 · ISNI (EN0000 0000 7839 7475 · LCCN (ENn84044284 · GND (DE134552040 · BNF (FRcb1390-1053z (data) · NLA (EN35213673
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 09.04.2019 06:41:41

Questo articolo si basa sull'articolo Eberhard Weber dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.