Gabriel Yared

Gabriel Yared

nato il 7.10.1949 a Beirut, Libano

Links www.gabrielyared.com (Inglese)

Gabriel Yared

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Gabriel Yared (Beirut, 7 ottobre 1949) è un compositore libanese.

Ha scritto le musiche per i film francesi Betty Blue e Camille Claudel. Successivamente ha iniziato a lavorare negli Stati Uniti vincendo l'Oscar per Il paziente inglese e ricevendo le nomination per Il talento di Mr. Ripley e Ritorno a Cold Mountain; ha composto inoltre le musiche per il film La città degli angeli. Nel 2004 la sua versione della colonna sonora di Troy è stata rifiutata dal regista e sostituita con quella di James Horner.

Biografia

All'età di sette anni viene avviato, dal padre, allo studio della fisarmonica. Dopo due anni passa allo studio del pianoforte e della teoria musicale. Il suo insegnante di pianoforte gli sconsiglia però di proseguire dicendogli che non è fatto per lo studio della musica. Ma, nonostante non fosse un gran pianista, continuò nello studio della musica. All'età di 14 anni morì il suo insegnante ed egli lo sostituì quale organista alla Saint Joseph University. Qui ebbe modo di leggere, nella biblioteca, tutte le opere di Bach, Schumann e molti altri compositori classici. Questo approfondito studio gli ispirò la sua prima composizione, un walzer per piano. Yared conseguì la laurea in legge, ma la sua formazione musicale avvenne quando seguì nel 1969, a Parigi, dei corsi di composizione presso l'Ecole Normale du Musique. Alla fine del 1971 andò in Brasile per far visita a suo zio, ed in quella occasione incontrò il presidente della Federazione Mondiale di musica leggera che gli commissionò una canzone per rappresentare il Libano nel Festival di musica leggera di Rio de Janeiro. La sua canzone vinse il primo premio. In seguito alla notorietà acquisita formò un complesso che girò per l'intero paese. Dopo aver collaborato nel 1975 con Mina, arrangiando il suo album Minacantalucio, nel 1976 tornò in Francia dove cominciò un lavoro di orchestrazione e arrangiamento di canzoni collaborando con Francoise Hardy.

Filmografia parziale

  • Si salvi chi può (La vita) (Sauve qui peut (la vie)), regia di Jean-Luc Godard (1980)
  • Hanna K., regia di Constantin Costa-Gavras (1983)
  • Mosse pericolose (La Diagonale du fou), regia di Richard Dembo (1984)
  • Betty Blue (37°2 le matin), regia di Jean-Jacques Beineix (1986) (la cui "C'est le vent, Betty" è stata la colonna sonora di uno spot Stefanel andato in onda nel 1988 in Italia)
  • Il disordine (Désordre), regia di Olivier Assayas (1986)
  • Terapia di gruppo (Beyond Therapy), regia di Robert Altman (1987)
  • Agent trouble - L'ultima corsa (Agent trouble), regia di Jean-Pierre Mocky (1987)
  • Fuori dal tunnel (Clean and Sober), regia di Glenn Gordon Caron (1988)
  • Camille Claudel, regia di Bruno Nuytten (1988)
  • Romero, regia di John Duigan (1989)
  • Vincent & Theo, regia di Robert Altman (1990)
  • Le mille e una notte (Les 1001 nuits), regia di Philippe de Broca (1990)
  • Zia Angelina (Tatie Danielle), regia di Étienne Chatiliez (1990)
  • L'amante (L'Amant), regia di Jean-Jacques Annaud (1992)
  • Avik e Albertine (Map of the Human Heart), regia di Vincent Ward (1992)
  • Il paziente inglese (The English Patient), regia di Anthony Minghella (1996)
  • Tonka, regia di Jean-Hugues Anglade (1997)
  • La città degli angeli (City of Angels), regia di Brad Silberling (1998)
  • Le parole che non ti ho detto (Message in a Bottle), regia di Luis Mandoki (1999)
  • Il talento di Mr. Ripley (The Talented Mr. Ripley), regia di Anthony Minghella (1999)
  • Sai che c'è di nuovo? (The Next Best Thing), regia di John Schlesinger (2000)
  • Autumn in New York, regia di Joan Chen (2000)
  • Lisa, regia di Pierre Grimblat (2001)
  • Possession - Una storia romantica (Possession), regia di Neil LaBute (2002)
  • The One and Only, regia di Simon Cellan Jones (2002)
  • Bon voyage, regia di Jean-Paul Rappeneau (2003)
  • Sylvia, regia di Christine Jeffs (2003)
  • Ritorno a Cold Mountain (Cold Mountain), regia di Anthony Minghella (2003)
  • Shall We Dance?, regia di Peter Chelsom (2004)
  • Le vite degli altri (Das Leben des Anderen), regia di Florian Henckel von Donnersmarck (2006)
  • Azur e Asmar (Azur et Asmar), regia di Michel Ocelot (2006)
  • Complicità e sospetti (Breaking and Entering), regia di Anthony Minghella (2006)
  • 1408, regia di Mikael Håfström (2007)
  • Manolete, regia di Menno Meyjes (2007)
  • Coco Chanel & Igor Stravinsky, regia di Jan Kounen (2009)
  • Il Riccio (Le Hérisson), regia di Mona Achache (2009)
  • Amelia, regia di Mira Nair (2009)
  • Shanghai, regia di Mikael Håfström (2010)
  • In the Land of Blood and Honey, regia di Angelina Jolie (2011)
  • En kongelig affære, regia di Nikolaj Arcel (2012)
  • In Secret, regia di Charlie Stratton (2013)

Premi

  • Miglior colonna sonora (nomination): Cold Mountain (2003) a The Chicago Film Critics Association
  • Miglior colonna sonora (nomination): Cold Mountain (2003) a Academy Award (Oscar)
  • Miglior colonna sonora (nomination): Cold Mountain (2003) a Golden Globe
  • Miglior colonna sonora (nomination): Talented Mr. Ripley (1999) a Academy Award (Oscar)
  • Miglior colonna sonora (vincitore): Talented Mr. Ripley (1999) Broadcast Film Critics Association
  • Miglior colonna sonora (nomination): Talented Mr. Ripley (1999) a British Academy Awards
  • Miglior colonna sonora (nomination): Talented Mr. Ripley (1999) a Golden Globe
  • Miglior colonna sonora (vincitore): English Patient (1996) Academy Award (Oscar)
  • Miglior colonna sonora (vincitore): English Patient (1996) Golden Globe
  • Miglior colonna sonora (vincitore): Amant (1992) French Academy of Cinema

Cover

Il brano "C'est le vent, Betty" è stato ripreso in gran parte in un brano di Jakatta dal nome "Feeling Blue" (2003) incluso nella compilation "Nick The Nightfly Vol 8".

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 04.12.2013 15:11:05

Questo articolo si basa sull'articolo Gabriel Yared dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.