Banca dati musicale

Musicista

Bennie Moten

Bennie Moten

nato il 13.11.1894 a Kansas City, MO, Stati Uniti d'America

morto il 2.4.1935 a Kansas City, MO, Stati Uniti d'America

Bennie Moten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Bennie Moten (Kansas City, 13 novembre 1894 – Kansas City, 4 febbraio 1935) è stato un direttore d'orchestra e pianista statunitense.

Negli anni 1920, durante l'età dell'oro dello swing, Moten diresse la più importante big band itinerante del Midwest, la Kansas City Orchestra, e promosse lo sviluppo dello stile a riff che fu tipico delle BIg Band degli anni 1930.

Le prime registrazioni di Moten fatte per la OKeh tra il 1923 e il 1925, erano interpretazioni dell'allora imperante stile New Orleans reso popolare da King Oliver ed altri, con alcune influenze dell'ancora popolare ragtime. Dal 1926, Moten cominciò a registrare per la Victor, rimanendo uno dei più popolari artisti di questa etichetta fino al 1930. Le incisioni dell'inizio di questo periodo mostrano l'influenza del più moderno e sofisticato stile di Fletcher Henderson.

La registrazione che Moten fece nel 1928 del brano "South" , originariamente pubblicata come V-38021, divenne un long-seller per la Victor, che lo ripubblicò con il numero 24893 nel 1935 e come 44-0004 negli anni 1940, quando la diffusione dei jukebox lo rilanciò come grande successo commerciale. "South" rimase disponibile su vinile fin quando la RCA non smise di fare dischi.

Nel 1929, quando già il pianismo di Moten era influenzato dal boogie woogie l'orchestra reclutò Count Basie, Walter Page e Oran 'Hot Lips' Page. Walter Page, che era un bassista, rimpiazzò la tuba del suo predecessore Vernon Page e, supportando l'accompagnamento pianistico di Basie - discreto e sincopato - cambiò radicalmente il colore ritmico dell'orchestra, fino ad allora orientato su un tradizionale ritmo in 2/4. Le dieci registrazioni lasciate dall'orchestra nel 1932, mentre attraversava un periodo di gravi difficoltà economiche, mostrano la sua evoluzione verso quello che sarebbe diventato il caratteristico "Basie Sound", quattro anni prima che Basie entrasse in sala di registrazione come leader di una propria formazione. All'epoca l'orchestra aveva reclutato altri solisti che avrebbero avuto un brillante futuro: il sassofonista Ben Webster, il chitarrista Eddie Durham (uno dei primi a sperimentare con gli amplificatori, nell'ottobre del 1929)[1] e il cantante Jimmy Rushing tra gli altri, mentre in questi dischi Moten si dedica solo alla direzione. Molti di questi brani sarebbero diventati dei classici dell'epoca swing:

  • "Toby"
  • "Moten Swing"
  • "The Blue Room"
  • "Imagination" (voci: Sterling Russell Trio)
  • "New Orleans" (voce: James Rushing)
  • "The Only Girl I Ever Loved" (voci: Sterling Russell Trio)
  • "Milenberg Joys"
  • "Lafayette"
  • "Prince of Wails"
  • "Two Times" (organico di sei musicisti e Josephine Garrison alla voce)

Moten morì nel 1935, a causa di una tonsillectomia: alla sua morte, Basie utilizzò la maggior parte dei musicisti di punta dell'orchestra per fondare la propria formazione. Moten è sepolto a Kansas City, nell'Highland Cemetery non lontano dal Lincoln Cemetery, dove si trova la tomba del suo concittadino e famoso jazzista Charlie Parker.

Note

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN2725-2655 · ISNI (EN0000 0000 6303 6546 · LCCN (ENn85031478 · GND (DE133151875 · BNF (FRcb138977531 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 28.10.2018 18:56:47

Questo articolo si basa sull'articolo Bennie Moten dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.