Banca dati musicale

Musicista

Grant Green

Grant Green

nato il 6.6.1931 a St. Louis, MO, Stati Uniti d'America

morto il 31.1.1979 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

Links www.allmusic.com (Inglese)

Grant Green

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Grant Douglas Green (Saint Louis, 6 giugno 1935 – New York City, New York, 31 gennaio 1979) è stato un chitarrista e compositore statunitense di musica jazz.

Biografia

Le prime esperienze professionali, in ambito musicale, Grant Green, le ebbe all'età di tredici anni come chitarrista in un gruppo gospel[1], che si esibiva regolarmente nelle chiese locali. In seguito suonò, sempre in ambito locale in gruppi di rhythm and blues e infine di jazz. Il vero esordio importante lo fece alla metà degli anni cinquanta, suonando con il trombettista Harry Edison, con il sassofonista Jimmy Forrest e con Elvin Jones (che rimase impressionato nel vederlo la prima volta suonare)[2]. La prima registrazione discografica, fu in un album di Jimmy Forrest del 1959 (All the Gin Is Gone) per la Delmark Records, affiancato dal batterista Elvin Jones. Il suo primo disco da leader lo incise nel 1960 per la Blue Note Records (fu introdotto in questa label dal sassofonista Lou Donaldson), Green il cui stile si ispira, tra gli altri a Charlie Christian, nel 1962 vinse il Down Beat New Star Award[3] come miglior chitarrista jazz dell'anno. Tra le molte collaborazioni musicali il chitarrista suonò (ed incise) con Sonny Clark, Ike Quebec, Hank Mobley, Stanley Turrentine, McCoy Tyner, Lou Donaldson, Larry Young, Elvin Jones e molti altri.Importantissimo il sodalizio con il grande Joe Henderson. Morì alla fine di gennaio del 1979 a causa di un attacco cardiaco. Si può tranquillamente collocare Grant Green (assieme a Wes Montgomery e Kenny Burrell) tra i chitarristi jazz afroamericani più importanti degli anni sessanta.

Discografia

come Leader
  • 1960-1961 - First Session (Blue Note Records, 7243 5 27548-2) pubblicato nel 2001
  • 1961 - Grant's First Stand (Blue Note Records, BLP 4064)
  • 1961 - Green Blues (Muse Records, MR-5014) pubblicato nel 1973
  • 1961 - Green Street (Blue Note Records, BLP 4071)
  • 1961 - Sunday Mornin' (Blue Note Records, BLP 4099)
  • 1961 - Grantstand (Blue Note Records, BLP 4086)
  • 1961 - Remembering (Blue Note Records, GXK 8167) pubblicato nel 1980
  • 1961 - Gooden's Corner (Blue Note Records, GXF-3058) pubblicato nel 1979
  • 1961-1962 - Born to Be Blue (Blue Note Records, BST 84432) pubblicato nel 1985
  • 1962 - Nigeria (Blue Note Records, LT-1032) pubblicato nel 1980
  • 1962 - Oleo (Blue Note Records, GXF-3085) pubblicato nel 1980
  • 1962 - The Latin Bit (Blue Note Records, BLP 4111)
  • 1962 - Goin' West (Blue Note Records, BST 84310) pubblicato nel 1969
  • 1962 - Feelin' the Spirit (Blue Note Records, BLP 4132)
  • 1963 - Blues for Lou (Blue Note Records, 7243 5 21438 2)
  • 1963 - Am I Blue (Blue Note Records, BLP 4139)
  • 1963 - Idle Moments (Blue Note Records, BLP 4154)
  • 1964 - Matador (Blue Note Records, GXF-3053) pubblicato nel 1979
  • 1964 - Solid (Blue Note Records, LT-990) pubblicato nel 1980
  • 1964 - Talkin' About! (Blue Note Records, BLP 4183)
  • 1964 - Street of Dreams (Blue Note Records, BLP 4253) pubblicato nel 1967
  • 1965 - I Want to Hold Your Hand (Blue Note Records, BLP 4202)
  • 1965 - His Majesty King Funk (Verve Records, V/V6 8627)
  • 1967 - Iron City! (Cobblestone Records CST 9002) pubblicato nel 1972
  • 1969 - Carryin' On (Blue Note Records, BST 84327)
  • 1970 - Green Is Beautiful (Blue Note Records, BST 84342)
  • 1970 - Alive! (Blue Note Records, BST 84360)
  • 1971 - Live at Club Mozambique (Blue Note Records) pubblicato nel 2006
  • 1971 - Visions (Blue Note Records, BST 84373)
  • 1971 - Shades of Green (Blue Note Records, BST 84413) pubblicato nel 1972
  • 1971 - The Final Comedown (Blue Note Records, BST 84415)
  • 1972 - Live at the Lighthouse (Blue Note Records, BN-LA 037-G2)
  • 1976 - The Main Attraction (Kudu Records, KU-29)
  • 1978 - Easy (Versatile Records, MSG 6002)

Note

  1. ^ (EN) Grant Green Biography, jrank.org. URL consultato il 25 novembre 2013.
  2. ^ (EN) Grant Green-Raised on the Blues, answers.com. URL consultato il 25 novembre 2013.
  3. ^ (EN) Grant Green-At a Glance...Awards, encyclopedia.com. URL consultato il 25 novembre 2013.

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN864627 · ISNI (EN0000 0001 1034 995X · LCCN (ENn88646303 · GND (DE121250970
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 11.07.2018 17:37:27

Questo articolo si basa sull'articolo Grant Green dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.