Armand Van Helden

nato il 16.2.1970 a Boston, MA, Stati Uniti d'America

Links www.armandvanhelden.com (Inglese)
www.armandvanhelden.de (Tedesco)

Armand Van Helden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Armand Van Helden (Boston, 16 febbraio 1970) è un musicista e disc jockey statunitense, autore di musica house di fama internazionale.

Armand Van Helden

Nazionalità  Stati Uniti
Genere Musica house
uk garage
Periodo di attività
1990in attività
Etichetta Nervous Records, AV8, Strictly Rhythm, ZYX Music, Henry Street Music, FFRR, Armed Records, Southern Fried
Album pubblicati 13
Studio 7
Raccolte 6
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Discografia

È statunitense di origine olandese. È noto per essere il co-fondatore del duo Duck Sauce.

Tra i suoi singoli più noti in Italia c'è Hear my name (2004), n°3 nella classifica dei più ballati. Da segnalare anche il rifacimento di un singolo di Siedah Garrett, I Want Your Soul (2007), molto ballato a livello mondiale (n°5 nella Global Dance Traxx), in Italia passato invece in secondo piano a causa del maggior successo della versione dei Degrees of Motion della medesima traccia (Do you want it right now?).

Tra i remix da annoverare vi è la sua versione, del 2004, del brano di Cerrone Je suis music, andato molto forte nelle discoteche italiane.

Album

  • Old School Junkies: The Album (1996)
  • Da Club Phenomena (1997)
  • Live from ya Mother's House (1997)
  • Enter the Meatmarket (1997)
  • Greatest Hits (1997)
  • 2 Future 4 U (1998 UK, 1999 U.S.) #22 UK
  • Armand Van Helden's Nervous Tracks (1999)
  • Killing Puritans (2000) #38 UK
  • Gandhi Khan (2001)
  • New York: A Mix Odyssey (2004)
  • Nympho (2005)
  • Ghettoblaster (2007)
  • You Don't Know Me - The Best of Armand Van Helden (2008)

Singles e EP

  • 1995 Witch Doktor
  • 1996 Spin Spin Sugar (UK Speed Garage Remix of the Sneaker Pimps) Dance
  • 1997 Professional Widow (It's Got To Be Big) (remix of Tori Amos song) #1 UK
  • 1997 The Funk Phenomena #38 UK
  • 1997 Ultrafunkula #46 UK
  • 1999 U Don't Know Me (feat. Duane Harden) #1 UK, #11 CAN
  • 1999 Flowerz (feat. Roland Clark) #18 UK
  • 2000 Koochy #4 UK (contiene un campione tratto da "Cars" di Gary Numan, 1979)
  • 2001 Why Can't You Free Some Time #34 UK
  • 2001 You Can't Change Me (Roger Sanchez feat. Armand Van Helden & N'Dea Davenport) #25 UK
  • 2004 Hear My Name #34 UK, #32 AUS
  • 2004 My, My, My #15 UK, #6 AUS (contiene un campione tratto da "Comin' Apart" di Gary Wright, 1981)
  • 2005 Into Your Eyes #48 UK, #28 AUS (contiene un campione tratto da "I Might Lie" di Andy Taylor, 1987)
  • 2005 When The Lights Go Down #70 UK (contiene un campione tratto da "Rockaway" di Nick Gilder, 1978 )
  • 2006 My My My 2006 #12 UK
  • 2006 Sugar 2006
  • 2006 Touch Your Toes (feat. Fat Joe)
  • 2006 U Don't Know Me feat. Duane Harden
  • 2007 NYC Beat #22 UK
  • 2007 I Want Your Soul #19 UK, #2 UK Indie, #60 POL (contiene un campione tratto da "Do You Want It Right Now" di Siedah Garrett, 1985)
  • 2008 Je T'Aime (feat. Nicole Roux)
  • 2008 Shake That Ass (feat. Team Facelift)
  • 2009 aNYway (feat. DJ A-Trak)
  • 2010 Barbra Streisand (feat. DJ A-Trak)

Remixes

  • 1994 "Living In Danger" (Ace of Base)
  • 1996 "Da Funk" (Daft Punk)
  • 1997 "Got 'Til It's Gone (Janet Jackson)
  • 2004 "Toxic" (Britney Spears)
  • 2004 "Hole in the Head" (Sugababes)
  • 2004 "Watching Cars Go By" (Felix da Housecat)
  • 2006 "Bounce" (Tarkan)
  • 2006 "SexyBack" (Justin Timberlake)
  • 2007 "Feelin' Me" (Therese)
  • 2007 "Hustler" (Simian Mobile Disco)
  • 2007 "Something 4 Porno" (Felix Da Housecat)
  • 2008 "Inspire" (Ayumi Hamasaki)
  • 2009 "Box N Locks" (MPHO)
  • 2009 "Dance The Way I Feel" (Ou Est Le Swimming Pool)
  • 2009 "Signs" (Bloc Party)
  • 2010 "Add Suv" (Uffie Ft Pharrell Williams)
  • 2010 "California Gurls" (Katy Perry Ft Snoop Dogg)

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 11.11.2013 18:05:00

Questo articolo si basa sull'articolo Armand Van Helden dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.