Banca dati musicale

Musicista

Maxwell Anderson

Maxwell Anderson

nato il 15.12.1888 a Atlantic, PA, Stati Uniti d'America

morto il 28.2.1959 a Stamford, CT, Stati Uniti d'America

Links www.maurice-abravanel.com (Inglese)

Maxwell Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

James Maxwell Anderson (Atlantic, 15 dicembre 1888 – Stamford, 28 febbraio 1959) è stato uno scrittore statunitense.

Fu vincitore del Premio Pulitzer, autore, poeta, giornalista e paroliere, membro fondatore della The Playwrights' Company.

Biografia

Giovinezza

Anderson nacque ad Atlantic, Pennsylvania, secondogenito degli otto figli di William Lincoln "Link" Anderson, un religioso battista, e di Charlotte Perrimela Stephenson, entrambi di origine scozzese e irlandese. Inizialmente la sua famiglia visse nella fattoria di Atlantic della sua nonna materna, poi si trasferì ad Andover, Ohio, dove suo padre divenne vigile del fuoco per la ferrovia locale mentre studiava per diventare ministro. Si spostarono parecchio per assecondare gli impegni ministeriali del padre, mentre Maxwell era spesso malato, perdendo così buona parte dei suoi studi. Sfruttò il tempo in cui era costretto a letto leggendo con voracità libri e, anche poiché sia i suoi genitori che sua zia Emma erano scrittori di racconti, l'amore di Anderson per la letteratura crebbe ulteriormente.

All'età di undici anni, durante una visita a sua nonna presso la casa di campagna di Atlantic, Anderson conobbe il primo amore della sua vita, Hallie Loomis, una ragazzina poco più grande proveniente da una famiglia più abbiente. La sua storia autobiografica, Morning, Winter and Night, narra di stupri, incesti e sadomasochismo nella casa di campagna. Lo pubblicò sotto lo pseudonimo di John Nairne Michealson, per evitare di offendere la sua famiglia. Gli Anderson si trasferirono molte volte: nell'Ohio ad Andover e a Richmond Center, mentre in Pennsylvania a Townville, ad Edinboro, a Mc Keesport, a New Brighton e a Harrisburg. Infine, nel 1907, si stabilirono a Jamestown (Dakota del Nord), dove Anderson studiò presso la Jamestown High School, diplomandosi nel 1908.

Giornalismo

Non ancora diplomato, Anderson faceva il cameriere, di notte lavorava presso il Grand Forcks Herald ed era membro attivo di tutti i circoli letterari e teatrali della scuola. Ricevette un Diploma Artistico in Letteratura Inglese dalla University of North Dakota nel 1911. Divenne preside di un liceo a Minnewaukan nel Nord Dakota, anche con il compito d'insegnante d'inglese, ma per le frasi pacifiste rivolte ai suoi studenti venne licenziato nel 1913. Poi si iscrisse alla Stanford University, ottenendo una Laurea magistrale in Letteratura Inglese nel 1914. Divenne insegnante d'inglese presso un liceo di San Francisco: dopo tre anni, nel 1917, fu nominato presidente del dipartimento d'inglese del Whittier College. Fu licenziato l'anno successivo per aver parlato pubblicamente a supporto di Arthur Camp, uno studente carcerato, chiedendo lo stato di obiezione di coscienza.

Anderson si trasferì a Palo Alto per scrivere sul San Francisco Evening Bulletin, ma fu licenziato per aver scritto un editoriale dove affermava che sarebbe stato impossibile per la Germania pagare i suoi debiti di guerra. Così si spostò a San Francisco, per scrivere per il San Francisco Chronicle, ma fu licenziato dopo aver contratto l'influenza spagnola, perdendo così il lavoro. Alvin Johnson offrì ad Anderson nel 1918 di trasferirsi a New York per scrivere di politica sul The New Republic, ma anche qui fu licenziato per aver vinto una disputa contro il capo-redattore Herbert David Croly.

Anderson trovò lavoro presso il New York Globe e il New York World. Nel 1921, scoprì The Measure: A Journal of Poetry, una rivista dedita alla poesia. Scrisse la sua prima opera, White Desert, nel 1923, che fu programmata per sole dodici performance, ma fu apprezzata da un recensore del New York World, Laurence Stallings, con cui collaborò a quella successiva, What Price Glory?, che fu messa in scena con successo nel 1924 a New York. Successivamente lasciò il World, avviando la sua carriera da drammaturgo.[1]

Maxwell Anderson è morto in seguito a un ictus.

Opere teatrali e musical

  • White Desert (1923)
  • What Price Glory? (1924) - dramma di guerra
  • First Flight (1925) - scritto con Laurence Stallings
  • The Buccaneer (1925)
  • Outside Looking In (1925)
  • Saturday's Children (1927)
  • Gods of the Lightning (1929) - scritto con Harold Nickerson
  • Gypsy (1928)
  • Elizabeth the Queen (1930) - dramma storico
  • Night Over Taos (1932)
  • Both Your Houses (1933) -- Pulitzer Prize for Drama
  • Mary of Scotland (1933) - dramma storico
  • Valley Forge (1934)
  • Winterset (1935) - tragedia in versi ispirata al caso di Sacco e Vanzetti
  • The Masque of Kings (1936)
  • The Wingless Victory (1936)
  • Star-Wagon (1937)
  • High Tor (1937) New York Drama Critics Circle Award
  • The Feast of Ortolans (1937) - one-act play
  • Knickerbocker Holiday (1938) - book and lyrics
  • Second Overture (1938) - one-act play
  • Key Largo (1939)
  • Journey to Jerusalem (1940)
  • Candle in the Wind (1941)
  • The Miracle of the Danube (1941) - one-act play
  • The Eve of St. Mark (1942)
  • Your Navy (1942) - one-act play
  • Storm Operation (1944)
  • Letter to Jackie (1944) - one-act play
  • Truckline Café (1946)
  • Joan of Lorraine (1946)
  • Anne of the Thousand Days (1948) - dramma storico
  • Lost in the Stars (1949) - libro e lyrics
  • Barefoot in Athens (1951)
  • The Bad Seed (1954)
  • High Tor - 1956 (TV score)
  • The Day the Money Stopped (1958) - scritto con Brendan Gill
  • The Golden Six (1958)

Filmografia

  • Gloria (What Price Glory?), regia di Raoul Walsh - lavoro teatrale (1926)
  • Saturday's Children, regia di Gregory La Cava - lavoro teatrale (1929)
  • I due rivali (The Cock-Eyed World), regia di Raoul Walsh - lavoro teatrale (1929)
  • All'Ovest niente di nuovo - 1930 - adattamento & dialoghi
  • The Guardsman, regia di Sidney Franklin - estratti dal lavoro teatrale Elizabeth the Queen (1931)
  • Pioggia
  • Washington Merry-Go-Round
  • La morte in vacanza (Death Takes a Holiday) - sceneggiatura (1934)
  • Resurrezione (We Live Again), regia di Rouben Mamoulian - adattamento (1934)
  • I lancieri del Bengala (The Lives of a Bengal Lancer), regia di Henry Hathaway - contributo alla sceneggiatura (1935)
  • Maybe It's Love, regia di William McGann (1935)
  • La rosa del sud (So Red the Rose), regia di King Vidor (1935) - screenplay
  • Maria di Scozia (Mary of Scotland), regia di John Ford (1936)
  • Sotto i ponti di New York (Winterset), regia di Alfred Santell - lavoro teatrale (1936)
  • Il conte di Essex (The Private Lives of Elizabeth and Essex), regia di Michael Curtiz - lavoro teatrale (1939)
  • Saturday's Children, regia di Vincent Sherman - lavoro teatrale (1940)
  • Knickerbocker Holiday - 1944 - play
  • The Eve of St. Mark, regia di John M. Stahl - testo teatrale (1944)
  • Winterset - 1945 - TV - play
  • A la sombra del puente - 1946 - play
  • L'isola di corallo (Key Largo), regia di John Huston - testo teatrale (1948)
  • Joan of Arc - 1948 - play Joan of Lorraine - screenplay
  • Pulitzer Prize Playhouse - 1950 TV Series - play - four episodes
  • Celanese Theatre - 1951 TV Series - play - two episodes
  • Uomini alla ventura - 1952 - play
  • The Alcoa Hour - 1955 TV Series - play - episode "Key Largo"
  • Il giglio nero - 1956 - sceneggiatura
  • Il ladro (The Wrong Man), regia di Alfred Hitchcock - 1956 - novel The True Story of Christopher Emmanuel Balestrero
  • Never Steal Anything Small - 1959 - play The Devil's Hornpipe
  • Ben-Hur - 1959 - uncredited
  • Barefoot in Athens - 1966 - TV - play
  • The Star Wagon - 1967 - TV - play
  • Elizabeth the Queen - 1968 - film TV della serie Hallmark Hall of Fame - play
  • Anna dei mille giorni - 1969 - play
  • Valley Forge - 1975 - TV - play
  • Lost in the Stars - 1974 - play
  • Il seme del male - 1985 - Film TV - soggetto
  • Meet Joe Black (1998) (earlier screenplay) (inspiration)

Composizioni musicali più conosciute

(Composte insieme a compositori quali Kurt Weill e Arthur Schwartz)

  • "September Song" (da Knickerbocker Holiday), di gran lunga la più famosa composizione musicale
  • "Lost in the Stars" (da Lost in the Stars))
  • "Cry, The Beloved Country" (da Lost in the Stars))
  • "When You're in Love"
  • "There's Nowhere to Go but Up"
  • "It Never Was You"
  • "Stay Well"
  • "Trouble Man" (da Lost in the Stars))
  • "Thousands of Miles"

Libri

  • You Who Have Dreams - 1925 - poetry a book of poetry
  • The Essence of Tragedy and Other Footnotes and Papers - 1939 - saggi
  • Off Broadway Essays About the Theatre - 1947 - saggi
  • Notes on a Dream - 1972 - poesia

Note

  1. ^ Alfred Shivers, The life of Maxwell Anderson, New York, Stein and Day, 1983, pp. 61-63, ISBN 0-8128-2789-9.

Altri progetti

Controllo di autorità VIAF: (EN24683691 · ISNI: (EN0000 0001 0879 8035 · LCCN: (ENn50021938 · GND: (DE118645145 · BNF: (FRcb12383728n (data) · NLA: (EN35006603
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 06.12.2017 00:51:51

Questo articolo si basa sull'articolo Maxwell Anderson dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.