Banca dati musicale

Musicista

Jim Hall

Jim Hall

nato il 4.12.1930 a Buffalo, NY, Stati Uniti d'America

morto il 10.12.2013 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

Links www.jimhallmusic.com (Italiano, Francese, Inglese)

Jim Hall (chitarrista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Jim Hall

Jim Hall durante un seminario a Dayton, Ohio
Nazionalità  Stati Uniti d'America
Genere Jazz
Strumento Chitarra
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Jim Hall (Buffalo, 4 dicembre 1930) è un chitarrista e  jazz statunitense.

Durante l'infanzia, trascorsa tra New York e Cleveland (Ohio), Jim comincia a respirare l'atmosfera musicale grazie alla madre pianista e al nonno violinista. All'età di dieci anni riceve come regalo di natale una chitarra e da allora decide di dedicarsi con impegno allo studio dello strumento.

A soli tredici anni entra nel primo gruppo strumentale: i suoi modelli sono Charlie Christian e Django Reinhardt. Continuando a suonare in piccole formazioni locali, alla fine delle scuole superiori si iscrive al "Cleveland Institute of Music" e si diploma in teoria musicale. Convinto dapprima che nel suo futuro vi fosse spazio solo per l'insegnamento e la musica classica, nel 1955 decide di dare una svolta alla sua vita e si trasferisce a Los Angeles, dove entra nella band di Chico Hamilton, con Buddy Collette all'organo, Freddie Katz al violoncello e Carson Smith al contrabbasso. Con questa formazione, Jim Hall comincia ad attirare l'attenzione nazionale e internazionale. Nel 1957 il sassofonista Jimmy Giuffre gli chiede di formare un trio con il trombonista Bob Brookmeyer. L'idea di Giuffre era di avere tre linee di improvvisazione che interagivano contemporaneamente, senza nessuna ritmica a tenere il tempo metronomico, e il risultato di questo esperimento è racchiuso nell'album Western Suite.

Nel 1960 si sposta nuovamente a New York, dove si susseguono le collaborazioni con le eminenze grigie del tempo: Ella Fitzgerald, Lee Konitz e dal 1961-62 Sonny Rollins. Nel corso di un tour in America latina con la Fitzgerald, Jim rimane "folgorato" dalla musica locale e decide di fermarsi a Rio De Janeiro per altre sei settimane dopo il termine del giro, proprio nel periodo in cui si stava affermando la bossa nova. Le influenze brasiliane si faranno sentire negli album incisi successivamente con Sonny Rollins (What's New?, 1962) e con Paul Desmond (Take Ten e Bossa Antigua del 1963).

Anche la collaborazione con Rollins lascerà una traccia nello stile di Jim Hall, in cui spesso gli assoli sono ispirati al fraseggio dei fiati. In un'intervista Hall ha dichiarato: "Sebbene non abbia mai avuto occasione di suonare con Lester Young quello è il suono a cui aspiro".

Non è facile individuare nei dischi di Hall un riff ricorrente, ma è significativa l'interazione tra elementi melodici, armonici e ritmici che hanno fatto definire il suo come uno stile "compositivo". I critici usano spesso gli aggettivi "caldo", "pieno", "generoso" per definire il suo suono.

Ormai rodato, dal 1962 al 1964 guida da leader un quartetto con il trombettista Art Farmer. Nello stesso periodo incide alcuni significativi dischi in duo con il pianista Bill Evans (Undercurrent e Intermodulation).

Nel 1965 sposa Jane, psicoanalista e valente autrice di brani musicali. Tuttora abitano nel Greenwich Village. Comincia a registrare album da leader e forma un trio, senza smettere di dedicarsi a sperimentazioni, come quella con il bassista Ron Carter (Alone Together), utilizzando talvolta combinazioni inconsuete, come ad esempio quella tra chitarra e trombone (nuovamente con Bob Brookmeyer).

Il chitarrista statunitense è stato più volte chiamato a condurre seminari in tutto il mondo, grazie alle sue doti comunicative e al suo desiderio di condividere con altri le sue esperienze artistiche. Per questa sua caratteristica, oltre al lavoro svolto con il suo trio, Jim ha sempre cercato di ospitare, nei dischi e nei concerti dal vivo, musicisti di ogni estrazione: da Joe Lovano a Kenny Barron, da The New York Voices a Zoot Sims, da Michel Petrucciani a Wayne Shorter. Talvolta si è trattato di incontri occasionali, durati lo spazio di una session. Spesso, però, queste collaborazioni sono state documentate su disco e talvolta sono sfociate in veri e propri progetti discografici comuni, come ad esempio i Duets con Pat Metheny.

Non solo Jim Hall è uno dei più seguiti e apprezzati strumentisti jazz, ma nel 1997 riceve il "New York Jazz Critics Circle Award", riconoscimento come miglior compositore e arrangiatore.

Discografia parziale

  • 2008 Hemispheres (con Bill Frisell)
  • 2006 Concierto
  • 2005 Free Association
  • 2005 Duologues
  • 2005 Blues on the Rocks
  • 2004 Magic Meeting
  • 2003 Concierto (DVD Audio)
  • 2002 Live in Tokyo
  • 2002 Jazz Impressions of Japan
  • 2002 Down Beat Critics' Choice
  • 2001 Jim Hall & Basses
  • 2000 Grand Slam: Live at the Regattabar, Cambridge Massachusetts
  • 1999 Live at the North Sea Jazz Festival
  • 1999 Jim Hall & Pat Metheny
  • 1999 Jazzpar Quartet + 4
  • 1998 By Arrangement
  • 1997 Panorama: Live at Village Vanguard
  • 1996 Textures
  • 1995 Dialogues
  • 1993 Something Special
  • 1993 Dedications & Inspirations
  • 1992 Youkali
  • 1991 Subsequently
  • 1990 Live at Town Hall, Vols. 1-2
  • 1990 Live at Town Hall, Vol. 2
  • 1990 Live at Town Hall, Vol. 1
  • 1989 All Across the City
  • 1988 These Rooms
  • 1986 Jim Hall's Three
  • 1985 Live at Village West
  • 1983 Jim Hall
  • 1981 Concerto de Aranjuez
  • 1981 Circles
  • 1978 Jim Hall and Red Mitchell
  • 1976 Live!
  • 1976 Commitment
  • 1975 Jim Hall Live!
  • 1975 Concierto
  • 1972 Alone Together
  • 1971 Where Would I Be?
  • 1969 It's Nice to Be with You: Jim Hall in Berlin
  • 1967 Guitar Workshop
  • 1963 Live at the Half-Note
  • 1960 Good Friday Blues: The MJT Plus Three
  • 1957 Jazz Guitar

Altri progetti

Collegamenti esterni

Sito Ufficiale

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 18.07.2011 21:05:54

Questo articolo si basa sull'articolo Jim Hall (chitarrista) dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.